Inverno, allenamenti e uni

Oggi inizia l’inverno astronomico e quindi è il momento giusto per spostarmi a Pontresina per le mie due classiche settimane in montagna. L’allenamento invernale l’ho però già iniziato da un po’, e dopo la pausa ad ottobre con le belle giornate autunnali, la prima neve e il primo freddo sono arrivati esattamente il giorno prima che riiniziassi ad allenarmi. Ma questo mi ha subito messo nella giusta mentalità per i mesi seguenti e in fin dei conti mi piace molto questa fase in cui l’importante è solo allenarsi e allenarsi e la forma e le sensazioni possono anche essere un po’ così cosà.

Nonostante ciò il primo mese di allenamenti è andato molto bene, ho potuto fare già tanto, e anche il primo cross a Dongio dopo solo due settimane mi aveva dato delle belle sensazioni. Ho così affrontato positivamente gli allenamenti mattutini prima di andare a scuola e i lunghi allenamenti intensivi. Il fatto che la forma faccia un po’ su e giù l’ho potuto osservare bene per esempio poi al cross a Camignolo dove gambe e corpo si sono ribellate dopo soli due giri su cinque, e quindi è stata una bella lotta fino alla fine. In compenso, ad un allenamento knock out sprint ad inizio dicembre, ho visto che con gli altri orientisti siamo più o meno lì tutti assieme e quindi la preparazione può continuare positivamente.

Vi sarà probabilmente ancora qualche rallentamento qua e là come la scorsa settimana e quella prima quando prima un fastidio ai piedi e poi soprattutto un forte raffreddore e mal di gola mi ha bloccato un paio di giorni, forse anche per la stanchezza con i molti lavori da consegnare all’università combinati agli allenamenti. Verso la fine della settimana avevo però poi potuto riallenarmi, mezzo distruggermi i due ditoni dei piedi con il freddo e le scarpe dure, e cercare poi di sopravvivere in qualche modo alla giornata di cross organizzata dalla mia società Atletica Mendrisiotto a Casvegno, dove ho potuto finalmente correre nuovamente dopo più di due anni di embargo. Avendo un cross sprint di soli 4km, la gara degli attivi è stata ancora più veloce del solito, e dopo la settimana che avevo passato non ero proprio nelle condizioni ideali per sperare di tenere i treni davanti. Anche nella divertente staffetta su tratte da 1km corsa con gli “O-bambi” la velocità non era un gran che. Di tempo fino ad aprile-maggio però ce n’è abbastanza e sono contento di dove mi trovo al momento, anche se chiaramente spero di avvicinarmi anche un po’ ai cavalli di testa ai cross nei prossimi mesi.

Risultati cross Dongio, Camignolo, Mendrisio

Ma ci sarà anche un po’ di tempo per passare le feste in famiglia e iniziare un nuovo anno che spero mi porti a fare un altro passo avanti nella C.O. La motivazione non manca, anche grazie alla conferma in nazionale élite arrivata a fine ottobre e al rinnovo della collaborazione per un ulteriore anno con Banca stato, grazie mille per la fiducia! E buone feste a tutti!

Ora mi attendono due settimane soprattutto all’insegna dello sci di fondo in Engadina, con alcuni allenamenti veloci di corsa. Ma anche lo studio avrà come sempre la sua parte, e dopo avere chiuso i primi due esami questa settimana, me ne attendono ancora quattro ad inizio gennaio.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *